compliance mondialpol

La normativa di riferimento.

L’esigenza di istituire in azienda una funzione specifica di Compliance nasce dalle riflessioni condotte a livello internazionale, che hanno evidenziato l’esigenza di rafforzare presidi organizzativi volti ad assicurare la piena osservanza delle normative riguardanti l’attività svolta e, in particolare, le relazioni con la clientela.
  1. Testo Unico sulle Leggi di Pubblica Sicurezza – Art. 133 e 134 delle Guardie Particolari Giurate e degli Istituti di Vigilanza;
  2. Regolamento per l’esecuzione  del T.U. 18 giugno 1931;
  3. Regio Decreto 6 maggio 1940 n. 635 Gazzetta Ufficiale 26/06/1940 n. 149;
  4. Decreto Ministero dell’Interno n. 269 del 1 dicembre 2010: Capacità Tecnica degli Istituti di Vigilanza e Qualità dei Servizi dagli stessi erogati;
  5. Legge 3 aprile 1937 n. 526: Disciplina degli Istituti di Vigilanza;
  6. Regolamenti Provinciali di Servizio degli Istituti di Vigilanza Privata;
  7. D.L. 81/08: attuazione dell’art. 1 della Legge 3 agosto 2007 n. 123 per il riassetto e la riforma della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro;
  8. D.L. 231/01: Disciplina della Responsabilità Amministrativa delle Persone Giuridiche, delle Società e delle Associazioni anche Prive di Personalità Giuridica, a norma dell’art. 11 della Legge 29 settembre 2000, n. 300;
  9. D.L. 196/03: Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali.